Panificio.jpgSilac.jpgAracne.jpgDelaville.jpgAFFARISPORT.jpgBiancofiore.jpgGrouparma.jpegBcc.jpgBasileG.jpgEssenza.jpgFatone.jpegBasile.jpgRobertoviaggi.jpgJerry.jpgMamut.jpgBiorussi.jpgCannarozzi.jpgAgricola.jpgR4For.jpgPiemontese.jpgMacelleria.jpgCorallo.jpgEclipse.jpgCaseificio.jpgDiperna.jpgVarano.jpg

 

 

 

 

Calendario Eventi

Dicembre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Nr. visite dal 08 maggio '15

1696267

10 Domande e più, rivolte al sig. Santino Basanisi, presidente del Veloclub Carpino Runners, società organizzatrice della Maratonina dei 2 Colli. Pensate e rivolte personalmente dal sig. Luciano Raffaele.

 

  1. Santino Basanisi, Presidente della VeloClub Carpino Runners, organizzatore della Maratonina dei 2 colli. Può farci un bilancio dell'ultima edizione?

 La 29^ edizione della maratonina dei 2 colli del 16 agosto 2015,è stata contraddistinta dalla pioggia battente che ha accompagnato gli atleti durante il percorso da Cagnano Varano a Carpino, cosa che non accadeva da moltissimi anni. Nonostante la situazione meteorologica avversa ed il periodo di inattività di molti atleti, 346 sono stati i coraggiosi che hanno terminato la gara, accolti da un folto pubblico in Piazza del Popolo di Carpino, nonostante la pioggia, con la vittoria di Dario Santoro, neo campione italiano di maratona, con il tempo di 40.42 sui 13,00 km. in campo maschile, e di Meryem Lamachi (Marocco) con il nuovo record della manifestazione 46.15, in campo femminile. 

  1. Può raccontarci brevemente la storia della "Maratonina" com è nata?

 La maratonina dei 2 colli nasce nel gennaio del 1987, dall'idea di un gruppo di amici: io, Carlo Di Brina ed Antonello Esposito, unitamente ad amici di Cagnano Varano, ovvero quello di organizzare una gara podistica che mettesse fine alle diatribe ed ai litigi di varia natura che avvenivano tra i giovani di Carpino e Cagnano, per contendersi chissà quale trofeo o vittoria. L'idea era quella di organizzare a San Rocco la partenza da Cagnano Varano ed arrivo a Carpino; a San Michele e San Cataldo effettuare il percorso inverso. Se fosse stato attuato il tutto, ci troveremmo di fronte ad una competizione che quest'anno avrebbe raggiunto la 60^ edizione, senz'altro una delle più antiche in Italia.

  1. Come mai avete scelto un percorso che unisce due comuni, e che vi metti di fronte a spese e difficoltà organizzative importanti?

 Il percorso che unisce i 2 comuni, di qui anche la denominazione dei 2 colli, nasce dalle motivazioni che sopra sono state esposte. Le difficoltà organizzative ed anche economiche , vengono superate grazie alla collaborazione ed al patrocinio del comune di Carpino e Cagnano Varano, del Parco Nazionale del Gargano e della Banca Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, alla partecipazione degli sponsors e dei tantissimi cittadini che partecipano acquistando i biglietti della lotteria della ""maratonina dei 2 colli"", parallela alla manifestazione podistica e autorizzata dai Monopoli di Stato, che mette in palio tanti premi quanti sono gli anni della gara: quest'anno saranno 30. La nostra manifestazione è vissuta dalla popolazione Carpinese oramai come un appuntamento tradizionale a cui non si può mancare, anche perché avviene nel giorno della festa patronale di San Rocco, il 16 di agosto

  1. Quali sono le prospettive di crescita della gara?

 Le prospettive di crescita ci sono e sono enormi, bisogna considerare anche che la maratonina si svolge in un periodo in cui l'attività amatoriale ed agonistica è quasi ferma. I circa 350 arrivati dell'anno scorso mi fanno andare con la mente al 1987, alla 1^ edizione, dove gli arrivati furono 23. Sono stati fatti passi da gigante, si è cresciuti, e grazie alla collaborazione di tutti, abbiamo cercato di eliminare le carenze che ci venivano fatti notare dagli amici podisti. Per quanto mi riguarda, conoscendo la realtà podistica provinciale e regionale, va bene così, anche perché il paese è piccolo e strutturalmente sarebbe difficile ospitare una fortissima partecipazione, considerando che il giorno di San Rocco, tanti amici volontari lasciano la tavola ben imbandita in famiglia per le feste patronali per dare, gratuitamente, un fattivo contributo alla riuscita della manifestazione. Se consideriamo anche che la quasi totalità dei partecipanti viene trasferita da Carpino a Cagnano Varano con autobus, furgoni, autovetture ed altri mezzi di trasporto, immaginate lo sforzo che viene fatto per organizzare la gara e lasciare contenti e soddisfatti i tantissimi amici podisti provenienti da tutta Italia che ci onorano della loro cortese partecipazione e presenza, unitamente alle loro famiglie, a cui va il nostro ringraziamento. Grazie di cuore!

  1. Quali sono le soddisfazioni più grandi che ha avuto con "la Maratonina"?

 La soddisfazione maggiore è quella che dai 23 arrivati della prima edizione nel 1987 siamo arrivati ai 346 del 2015 unitamente al fatto di aver contribuito allo sviluppo dell'atletica leggera in generale nel paese ed in provincia. Un'altra soddisfazione avuta con la maratonina dei 2 colli è la considerazione che viene esternata dagli atleti partecipanti, in particolare dalle donne, per la bellezza e durezza del percorso, per l'accoglienza, il calore e l'affetto della popolazione di Carpino, che non ha uguali in nessun altro paese, come recita una epigrafe di qualche anno addietro del caro amico Antonio Bronda, a cui va il nostro ringraziamento per la passione e la devozione che ci mette nel seguire il podismo in generale. Altra cosa molto positiva è stata la creazione del nostro sito www.maratoninadei2colli.it che dall'8 maggio 2015 ad oggi ha avuto circa 200.000 visualizzazioni e chi invito tutti a visitare perché vi è tutta la storia della maratonina dei 2 colli in questi lunghi 30 anni. Un grazie di cuore al socio, atleta ed amico Michele D'Arnese per l'impegno e l'abnegazione che ci mette nella gestione del sito.

  1. Quali invece le delusioni?

 Le delusioni sono poche: una è quella che ci sono ancora cittadini, pochi per la verità, che il giorno della maratonina non riescono a stare dalle 18,30 alle 20,30 senza fare a meno dell'auto-motomezzo, non rendendosi conto di causare tanti veleni ai concorrenti e una brutta immagine a tutto il paese: quest'anno si spera di migliorare la situazione con un maggior controllo da parte degli organi competenti, carabinieri e polizia municipale. L'altra è la pretesa di alcuni, pochissimi concorrenti, che ancora non arriva l'ultimo atleta e già vogliono le premiazioni. Un pizzico di sportività in più non guasterebbe, anche perché in quel periodo si è in ferie.

  1. Quanto è importante "la Maratonina" per l'economia e la promozione di Carpino? 

 La maratonina è molto importante per l'economia del paese in considerazione del fatto che noi cerchiamo di pubblicizzare i nostri prodotti tipici che sono le fave, l'olio, il caciocavallo,il vino: parte di questi prodotti, li trovate nei pacchi gara della manifestazione. Molte sono le persone che durante l'anno si rivolgono ai produttori per acquistare detti prodotti. La sera del 16 agosto, a centinaia si fermano nel nostro paese per vivere la giornata di sport e tante sono quelle che vengono prima e alloggiano nelle nostre strutture per diversi giorni, per andare a mare, vivere il paese, vedere la processione di San Rocco del 16 agosto e partecipare alla gara: è un piacere vedere gli alberghi, i ristoranti e pizzerie pieni.

  1. Come risponde il territorio alla "Maratonina"?

 Il territorio risponde molto positivamente, anche se non abbiamo forti sponsor, perché la maratonina dei 2 colli è entrata nel cuore dei cittadini ed è diventata un appuntamento tradizionale da vivere e partecipare. Speriamo di migliorarla ancor di più, con la partecipazione di tutti, amministrazione comunale, imprese, attività produttive e cittadini tutti.

  1. "La Maratonina" richiama ogni anno i podisti/turisti presenti sul Gargano, quali sono i punti di forza e di debolezza della manifestazione.

 I punti di forza, sono la bellezza e la durezza del percorso, l'accoglienza calorosa della gente, la partecipazione di tutta la popolazione Carpinese che considera la maratonina dei 2 colli, una tradizione da preservare e migliorare: la maratonina dei 2 colli è patrimonio del paese, siamo orgogliosi di tutto ciò. Il punto debole: ognuno di noi si convinca e convinca il vicino di casa di andare a piedi dalle 18,30 alle 20,30 di ogni 16 agosto, per gustarsi dal vivo una delle gare podistiche più belle ed affascinanti del panorama podistico regionale e nazionale. Ce lo dicono in tanti. Preserviamo e miglioriamo quello che di bello abbiamo: basta poco. 

  1. Nel 2016, la "Maratonina" compirà 30 anni, che cosa avete in mente?

 Nel 2016 la maratonina dei 2 colli compirà 30 anni ed abbiamo in mente alcune sorprese che è opportuno oggi non svelare. Speriamo di farvi cosa gradita il prossimo 16 di agosto.

 Un ultima domanda del tipo "DULCIS IN FUNDO":

  1. Se potesse chiudere gli occhi per un istante, fantasticando con l’augurio che possa realizzarsi, descrivi la 50^ edizione della maratonina dei 2 colli.

 La 50^ edizione la immagino che venga organizzata da tutti gli attuali tesserati: i ragazzi e le ragazze unitamente agli attuali quarantenni e cinquantenni con la stessa passione e dedizione delle persone che l'hanno organizzata sino ad oggi. Io mi auguro di parteciparvi come concorrente assieme a qualche amico.

Con la più viva cordialità ed affetto vi aspetto il 16 di agosto, unitamente agli amici del Veloclub Carpino Runners, per vivere assieme a voi tutti, una giornata d'amicizia, di sport e di tradizione.

Ringrazio il presidente del Veloclub Carpino Runners Santino Basanisi

Luciano Raffaele

Carpino 18 febbraio 2016

In foto da sx Santino Basanisi e Luciano Raffaele

  

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Momentaneamente non disponibile